Oristano

La provincia di Oristano si trova nella parte centro occidentale della Sardegna. Confina a Nord con la provincia di Sassari, ad Est con la provincia di Nuoro ed a Sud con le province del Medio Campidano e di Cagliari. Si estende su una superficie di 3.040 chilometri quadrati e comprende 88 comuni. 
Il territorio della provincia si presenta molto vario: si va dalla vasta pianura del Campidano (che attraversa parzialmente anche le province del Medio Campidano, di Carbonia-Iglesias e di Cagliari) al massiccio del Monte Ferru, la cui cima più elevata, il Monte Urtigu, supera i 1000 metri. 
Della provincia fa parte anche la Penisola del Sinis. Sono inoltre presenti oltre 90 chilometri di coste, dall’aspetto molto variegato: a spiagge basse e sabbiose si alternano falesie calcaree, coste rocciose con pareti a picco, alte e continue. 
La provincia è inoltre attraversata da due importanti fiumi: il Tirso, che sfocia nel Golfo di Oristano e con i suoi 152 chilometri è il fiume più lungo della Sardegna, e il Temo, unico fiume navigabile (anche se parzialmente) dell’isola. 
La provincia di Oristano comprende inoltre numerose aree protette, come il Parco Naturale Regionale del Monte Arci, l’Area naturale marina protetta Penisola del Sinis - Isola Mal di Ventre e il Monumento Naturale di S'Archittu a Santa Caterina, in provincia di Cuglieri, un arco di 15 metri creato dall'erosione marina delle pareti calcaree di quella che, un tempo, era una grotta.
Intorno ad Oristano sorgono inoltre una serie di stagni, distribuiti su una superficie complessiva di seimila ettari. Il più famoso è lo stagno di Cabras, considerato uno dei principali ambienti palustri d’Europa. In comunicazione con il mare, ospita molte specie rare di uccelli acquatici (tra cui il fistione turco, le anatre selvatiche, l'airone rosso, la folaga e il pollo sultano), ma è anche densamente popolato di pesci come spigole, anguille e muggine, dalla cui uova si ricava la bottarga, molto ricercata come condimento. 
Da ricordare anche lo stagno di Mistras, regno di gabbiani e fenicotteri, quello di Sale Porcus, oasi permanente di protezione faunistica e quello di Is Benas, dove si pesca il caniottu, un’orata di piccola taglia e profumata squisitezza.
Nella provincia di Oristano si trova infine il lago artificiale Omodeo, che prende il nome dall’ingegnere milanese (Angelo Omodeo) che lo realizzò tra il 1918 e il 1924 per scopi di irrigazione, produzione di energia elettrica e contenimento delle piene del Tirso.

Le Offerte

Seleziona quella di tuo interesse.

NESSUNA OFFERETA DISPONIBILE
Vuoi inserire le Tue offerte? Contatta il webmaster